BIBLEPAGE.NET

Una lettura confortevole della Parola di Dio su Internet

Versetto del Giorno

Ma l’ora viene, e già al presente è, che i veri adoratori adoreranno il Padre in ispirito e verità; perciocchè anche il Padre domanda tali che l’adorino

Giovanni 4:23


 

Capitolo 5



1Siate adunque imitatori di Dio, come figliuoli diletti.
2E camminate in carità, siccome ancora Cristo ci ha amati, e ha dato sè stesso per noi, in offerta e sacrificio a Dio, in odor soave.
3E come si conviene a santi, fornicazione, e niuna immondizia, ed avarizia, non sia pur nominata fra voi;
4nè disonestà, nè stolto parlare, o buffoneria, le quali cose non si convengono; ma più tosto, ringraziamento.
5Poichè voi sapete questo: che niun fornicatore, nè immondo, nè avaro, il quale è idolatra, ha eredità nel regno di Cristo, e di Dio.
6Niuno vi seduca con vani ragionamenti; perciocchè per queste cose vien l’ira di Dio, sopra i figliuoli della disubbidienza.
7Non siate adunque loro compagni.
8Perciocchè già eravate tenebre, ma ora siete luce nel Signore; camminate come figliuoli di luce
9poichè il frutto dello Spirito è in ogni bontà, e giustizia, e verità,
10provando ciò che è accettevole al Signore.
11E non partecipate le opere infruttuose delle tenebre, anzi più tosto ancora riprendetele.
12Perciocchè egli è disonesto pur di dire le cose che si fanno da coloro in occulto.
13Ma tutte le cose, che sono condannate sono manifestate dalla luce; perciocchè tutto ciò che è manifestato è luce.
14Perciò dice: Risvegliati, tu che dormi, e risorgi da’ morti, e Cristo ti risplenderà.
15Riguardate adunque come voi camminate con diligente circospezione; non come stolti, ma come savi;
16ricomperando il tempo, perciocchè i giorni sono malvagi.
17Perciocchè, non siate disavveduti, ma intendenti qual sia la volontà del Signore.
18E non v’inebbriate di vino, nel quale vi è dissoluzione; ma siate ripieni dello Spirito;
19parlando a voi stessi con salmi, ed inni, e canzoni spirituali, cantando, e salmeggiando col cuor vostro al Signore.
20Rendendo del continuo grazie d’ogni cosa a Dio e Padre, nel nome del Signor nostro Gesù Cristo.
21Sottoponendovi gli uni agli altri nel timor di Cristo.
22MOGLI, siate soggette a’ vostri mariti, come al Signore.
23Poichè il marito è capo della donna, siccome ancora Cristo è capo della Chiesa, ed egli stesso è Salvatore del corpo.
24Ma altresì, come la Chiesa è soggetta a Cristo, così le mogli debbono esser soggette a’ lor mariti in ogni cosa.
25Mariti, amate le vostre mogli, siccome ancora Cristo ha amata la Chiesa, e ha dato sè stesso per lei;
26acciocchè, avendola purgata col lavacro dell’acqua, la santificasse per la parola;
27per farla comparire davanti a sè, gloriosa, non avendo macchia, nè crespa, nè cosa alcuna tale; ma santa ed irreprensibile.
28Così debbono i mariti amare le loro mogli, come i lor propri corpi: chi ama la sua moglie ama sè stesso.
29Perciocchè niuno giammai ebbe in odio la sua carne, anzi la nudrisce, e la cura teneramente, siccome ancora il Signore la Chiesa.
30Poichè noi siamo membra del suo corpo, della sua carne, e delle sue ossa.
31Perciò, l’uomo lascerà suo padre, e sua madre, e si congiungerà con la sua moglie, e i due diverranno una stessa carne.
32Questo mistero è grande; or io dico, a riguardo di Cristo, e della Chiesa.
33Ma ciascun di voi così ami la sua moglie, come sè stesso; ed altresì la moglie riverisca il marito.



  • Versioni straniere  
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Português
  • Italiano
  • Nederlands
  • Român
  • Dansk
  • Svensk
  • Suomi
  • Norsk
  • Čeština
  • русский
  • Український
  • Български
  • Polski
  • Hrvatski
  • Magyar
  • Shqiptar
  • עברית
  • Türk
  • 圣经
  • 聖經
  • 한국의
  • 日本語
  • Tiêng Viêt
  • ภาษาไทย
  • Tagalog
  • Indonesia
  • हिन्दी
  • தமிழ்
  • ਪੰਜਾਬੀ
  • اردو
  • Somali
  • Kiswahili
  • العربية